L'elenco definitivo delle statistiche sul lavoro a distanza per il 2024

Christopher Benitez, 24 maggio 2023
L'elenco definitivo delle statistiche sul lavoro a distanza per il 2024
Condividi

Il lavoro a distanza è in aumento negli ultimi anni, ma nel 2020, con l'improvviso scoppio di una pandemia globale, anche le aziende che non credevano nel potere del telelavoro non hanno avuto altra scelta che aderire alla tendenza.

E per molti, doversi adattare a una realtà completamente nuova in un breve periodo di tempo ha finito per essere il rivestimento d'argento durante tempi incredibilmente difficili.

Il lavoro a distanza non era così spaventoso, dopotutto.

Che tu sia un datore di lavoro che pensa di mantenere le politiche del lavoro da casa anche dopo la fine della crisi sanitaria o un dipendente che inizia a cercare opportunità remote nel proprio settore, c'è molto che puoi imparare sull'universo del lavoro a distanza.

Continua a leggere e scopri 25 statistiche chiave sul lavoro remoto per il 2024!

Statistiche chiave sul lavoro a distanza nel 2024

  • Il 16% delle aziende nel mondo sono remote al 100%.
  • Il 44% delle aziende non consente il lavoro a distanza.
  • Un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata è il motivo principale per cui le persone scelgono di lavorare da remoto.
  • Il 77% dei lavoratori remoti afferma di essere più produttivo quando lavora da casa.
  • Il reddito medio annuo dei lavoratori a distanza è di $ 4,000 superiore a quello degli altri lavoratori.
  • L'85% dei manager ritiene che avere team con lavoratori remoti diventerà la nuova norma.
  • Il 74% dei lavoratori afferma che avere la possibilità di lavorare a distanza li renderebbe meno propensi a lasciare un'azienda.
  • Le tre maggiori sfide associate al lavoro a distanza sono staccare la spina dopo il lavoro (22%), solitudine (19%) e comunicazione/collaborazione (17%).

Statistiche generali sul lavoro remoto

1. Il 16% delle aziende a livello globale è completamente remoto

(Laboratori del gufo)

Sebbene sia ancora un numero basso, il fatto che al giorno d'oggi ci siano aziende che non hanno uffici o sedi centrali e che operano da remoto al 100% mostra quanto il lavoro da remoto sia cresciuto ed evoluto. Se ci chiedi, diremmo che questo numero non andrà da nessuna parte ma aumenterà nei prossimi anni!

2. Circa il 62% dei dipendenti di età compresa tra 22 e 65 anni afferma di lavorare a distanza almeno occasionalmente

(Laboratori del gufo)

Al giorno d'oggi, molte aziende scelgono il modello di lavoro ibrido, il che significa che mentre hanno un ufficio dove i dipendenti possono andare a lavorare, c'è anche la possibilità per loro di lavorare da casa almeno occasionalmente.

3. Dal 2009 il numero di persone che lavorano da casa è aumentato del 159%

(Analisi globale del luogo di lavoro)

Ci sono molte ragioni per cui il lavoro a distanza è stato e continua ad essere in aumento, ma due dei principali sono i rapidi progressi tecnologici che consentono alle persone di svolgere il proprio lavoro da qualsiasi parte del mondo e, come vedremo presto, il numero crescente di persone che apprezzano la flessibilità e un buon equilibrio vita-lavoro nella ricerca di nuove opportunità di lavoro.

58.6%

della forza lavoro totale degli Stati Uniti sono lavoratori remoti

Il 58.6% della forza lavoro totale degli Stati Uniti è costituito da lavoratori a distanza a causa della pandemia di COVID-19. (NorthOne)

4. Le industrie con il maggior numero di lavoratori a distanza sono la sanità (15%), la tecnologia (10%) e i servizi finanziari (9%)

(Laboratori del gufo)

Il lavoro remoto è in genere associato a ruoli di tecnologia e marketing digitale, come sviluppo web, web design e creazione di contenuti. Tuttavia, l'assistenza sanitaria è in realtà l'industria con i dipendenti più remoti. Viene solo per dimostrare che, indipendentemente dall'area in cui lavori, vale la pena cercare sempre opportunità remote.

5. Il lavoro a distanza è più comune nelle città con livelli di reddito elevati

(Pragati)

Ciò potrebbe essere spiegato dal fatto che coloro che vivono in città con punteggi di tendenza del reddito più elevati possono permettersi più facilmente l'hardware (e, in alcuni casi, il software) necessario per passare al lavoro a distanza. Inoltre, molte di queste persone molto probabilmente hanno lavori da scrivania, che sono più facili da trasformare in posizioni remote.

6. Il 44% delle aziende nel mondo non consente il lavoro a distanza

(Laboratori del gufo)

Nonostante l'innegabile aumento del lavoro a distanza, c'è ancora spazio per lavorare, poiché quasi la metà di tutte le aziende non consente ai propri dipendenti di lavorare da remoto. Date le circostanze che la maggior parte delle aziende ha vissuto nel 2020, è probabile che questo numero inizi a diminuire.

7. Entro il 2028, il 73% di tutti i reparti dovrebbe avere lavoratori remoti

(lavoro)

In otto anni, si prevede che il 73% di tutti i team includerà dipendenti remoti. Ciò non solo conferma ciò che già sappiamo sull'evoluzione del lavoro a distanza, ma mostra anche che il telelavoro diventerà accettabile in una gamma ancora più ampia di settori.

8. Il 99% delle persone sceglierebbe di lavorare da remoto per il resto della propria vita, anche se fosse solo part-time

(Respingente)

Questa è probabilmente una delle statistiche di lavoro a distanza più potenti di oggi. I dipendenti vogliono più libertà e flessibilità e, se potessero, quasi tutti vorrebbero avere la possibilità di lavorare a distanza per il resto della loro vita. L'ondata di lavoro a distanza è chiaramente più di una moda passeggera!

Vantaggi del lavoro a distanza

9. Il 77% dei lavoratori remoti afferma di essere più produttivo quando lavora da casa

(CoSoCloud)

Quando effettui il telelavoro, non hai un capo o un capogruppo che supervisiona quello che stai facendo, e per questo motivo molti pensano che il lavoro a distanza equivalga a una bassa produttività. Tuttavia, ciò non potrebbe essere più lontano dalla verità, poiché il 77% delle persone ottiene effettivamente di più quando lavora da casa.

10 Il 75% delle persone lavora da remoto perché ci sono meno distrazioni

(Lavori flessibili)

Questa statistica del lavoro a distanza è strettamente correlata alla precedente. I colleghi rumorosi costituiscono il più grande fattore di distrazione in un ufficio e, quando lavori da casa, ovviamente non devi occupartene. In definitiva, ciò contribuisce ai livelli di produttività più elevati di cui abbiamo parlato prima.

11 Un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata è il motivo principale per cui le persone scelgono di lavorare a distanza

(Laboratori del gufo)

Lavorare da remoto significa non solo avere un migliore controllo sulla pianificazione quotidiana, ma anche non dover trascorrere ore della giornata bloccati nel traffico o in un treno sovraffollato. Per questo motivo, i lavoratori a distanza hanno più tempo da trascorrere con i loro cari, nei loro hobby o semplicemente per rilassarsi, che è visto come il più grande vantaggio del telelavoro.

12 Il 69% dei millennial rinuncerebbe a determinati vantaggi lavorativi per uno spazio di lavoro più flessibile

(CBRE)

Quando abbiamo detto che i professionisti di oggi apprezzano la libertà e la flessibilità, non stavamo scherzando. Più della metà dei millennial sarebbe disposta a rinunciare ad altri benefici se ciò significasse che potrebbe lavorare da casa e avere l'equilibrio tra vita privata e lavoro che abbiamo menzionato nella statistica precedente.

13 Il telelavoro riduce le emissioni di gas serra di una quantità di 600,000 automobili

(Stato del telelavoro)

Il lavoro a distanza non fa bene solo ai datori di lavoro e ai dipendenti: in realtà è un ottimo modo per aiutare il nostro pianeta. Il motivo è semplice: poiché le persone lavorano da casa, non devono spostarsi tutti i giorni, il che significa che vengono utilizzate meno auto e i livelli di inquinamento diminuiscono notevolmente.

Guadagni per lavoro a distanza

14 Il reddito medio annuo dei lavoratori a distanza è di $ 4,000 superiore a quello degli altri lavoratori

(Lavori flessibili)

Come se i vantaggi in termini di produttività ed equilibrio tra lavoro e vita privata non fossero sufficienti, i lavoratori a distanza possono finire per fare più soldi dei lavoratori tradizionali. È importante ricordare che molti lavoratori remoti hanno ruoli che sono in cima alla gerarchia aziendale, il che probabilmente contribuisce a questa statistica. Tuttavia, c'è un grande potenziale finanziario nell'ottenere a lavoro remoto.

15 I lavoratori a distanza risparmiano circa $ 7,000 all'anno in trasporti, cibo e assistenza all'infanzia

(TECLA)

Oltre a fare di più, i lavoratori a distanza sono anche in grado di risparmiare di più, poiché non devono pagare per le carte del gas o dei trasporti pubblici, possono semplicemente cucinare a casa invece di mangiare fuori a pranzo tutti i giorni, e possono prendersi cura di i loro figli una volta tornati da scuola.

16 Le aziende che consentono il lavoro a distanza registrano un aumento medio di $ 2,000 di profitto per lavoratore remoto

(Stanford)

I vantaggi finanziari del lavoro a distanza non sono solo per i dipendenti: anche i datori di lavoro possono effettivamente risparmiare notevoli quantità di denaro. Dopotutto, meno dipendenti in ufficio ha un'azienda, meno deve pagare in termini di affitto, bollette, forniture, rimborsi di viaggio, costi di riparazione e manutenzione e altro ancora.

Statistiche di reclutamento e conservazione

17 Le piccole aziende hanno il doppio delle probabilità di assumere lavoratori remoti a tempo pieno

(Laboratori del gufo)

È ormai chiaro che l'adozione di una politica del lavoro da casa può aiutare le aziende a risparmiare grandi somme di denaro e questo spiega perché le piccole imprese sono più aperte ad assumere lavoratori remoti a tempo pieno. Ciò consentirà loro di aumentare il budget per altre operazioni, come il marketing e la pubblicità, che li aiuteranno non solo a sopravvivere, ma anche a diventare una società più grande.

18 L'85% dei manager ritiene che avere lavoratori remoti diventerà la nuova normalità per molti team

(TECLA)

Anche se alcuni gestori potrebbero avere ancora dei dubbi sul vantaggi del lavoro a distanza, la maggior parte (6 su 7, per essere precisi) ritiene che i team ibridi di dipendenti remoti e in ufficio saranno la norma in futuro.

19 Il 64% dei reclutatori afferma che essere in grado di proporre una politica del lavoro da casa li aiuta a trovare talenti di alta qualità

(IWG)

Considerando che molti potenziali candidati cercheranno aziende che consentano una certa libertà e flessibilità, non sorprende che più della metà dei reclutatori abbia più difficoltà a trovare i migliori talenti quando possono promuoverli come una posizione parzialmente o completamente remota.

20 Il 74% dei lavoratori afferma che avere un'opportunità di lavoro a distanza li renderebbe meno propensi a lasciare un'azienda

(Laboratori del gufo)

Gestire un team remoto potrebbe sembrare difficile perché i colleghi non si vedono regolarmente e la creazione di una forte cultura aziendale diventa più difficile, il che potrebbe rendere più facile le dimissioni delle persone. Tuttavia, le statistiche mostrano che questa non è la realtà, poiché il 74% delle persone avrebbe meno probabilità di lasciare un'azienda se potesse lavorare da remoto.

21 Nel 2017 si è registrata una diminuzione del 50% delle dimissioni nelle aziende che consentivano il lavoro a distanza

(Stanford)

Se la statistica precedente era difficile da credere, sapere che le aziende l'hanno effettivamente sperimentata in prima persona potrebbe farla sembrare un po 'più convincente. Secondo una ricerca condotta da Stanford, il numero di dimissioni nelle aziende è stato dimezzato una volta che hanno iniziato a consentire ai dipendenti di lavorare a distanza.

Sfide di lavoro a distanza

22 Le tre maggiori sfide associate al lavoro a distanza sono scollegare dopo il lavoro (22%), la solitudine (19%) e la comunicazione (17%)

(Respingente)

Lavorare da remoto non è tutto rose e fiori e per molte persone, la sfida più grande è riuscire a staccare la spina dal lavoro una volta terminato il loro orario di lavoro. A parte questo, la solitudine e la comunicazione e la collaborazione ostacolate che derivano dal non lavorare a fianco dei colleghi sono altri due problemi con cui molti lavoratori remoti devono lottare.

23. Solo il 70% dei lavoratori da remoto riceve una formazione regolare dalla propria azienda

(TalentoLMS)

Infatti,  L'87% dei lavoratori a distanza riceve una formazione regolare, con il 70% che lo riceve direttamente dalla propria azienda. E, per quanto riguarda coloro che desiderano una formazione aggiuntiva ma la loro azienda non la fornisce, scelgono e pagano corsi on-line trovano sul web.

24 Il 54% dei professionisti IT ritiene che i lavoratori remoti rappresentino un rischio per la sicurezza maggiore rispetto ai lavoratori tradizionali

(OpenVPN)

I lavoratori a distanza dipendono da vari strumenti di collaborazione online e Internet per essere in grado di svolgere il proprio lavoro, e la verità è che sono sempre a rischio di essere attaccati da cyber-attacchi. Ecco perché è così importante per i team manager remoti fornire formazione sulla sicurezza informatica e assicurarsi che i dipendenti remoti dispongano del software necessario come VPN per proteggere il proprio laptop.

Grafico creato sulla base dei dati raccolti da OpenVPN (aggiornato al 2021)

25 Solo il 23% dei lavoratori a distanza afferma che il proprio datore di lavoro copre i costi di iscrizione a uno spazio di coworking

(Respingente)

Sebbene i lavoratori remoti possano lavorare da casa o da un bar, a volte è necessario andare in uno spazio di coworking, se, ad esempio, hanno bisogno di incontrarsi con colleghi o clienti, o semplicemente vogliono combattere la solitudine che molti telelavoratori lottano con. Tuttavia, solo il 23% delle aziende copre i costi mensili di un'iscrizione al coworking.

26 I dipendenti remoti hanno il 16% di probabilità in meno di concordare sul fatto che il loro manager li coinvolga nel processo di definizione degli obiettivi

(Gallup)

Sapendo che la comunicazione è una delle maggiori sfide che i lavoratori remoti devono affrontare, potrebbe non sorprendere il fatto che molti sentano che il loro manager non li coinvolge quando definiscono gli obiettivi sul lavoro, il che, ovviamente, non li fa sentire coinvolti come sarebbe desiderato.

Domande frequenti (FAQ)

Il lavoro da remoto funziona?

Considerando il numero di persone che lavorano da casa durante la pandemia COVID-19, è sicuro dire che lavorare a distanza funziona sia per le aziende che per i loro dipendenti.

I lavoratori a distanza sono pagati di meno?

Sebbene gli stipendi siano generalmente adeguati alla posizione del lavoratore remoto, non sono pagati meno dei loro omologhi non remoti della stessa area geografica. Infatti, secondo le statistiche, mediamente i lavoratori a distanza. guadagna $ 4,000 in più all'anno rispetto ai dipendenti regolari, esclusi i risparmi sul tragitto giornaliero e sui pranzi.

I lavoratori remoti sono più felici?

Secondo le statistiche del 2018, le persone che lavorano da remoto almeno una volta al mese sarebbero più felici e produttive del 24% grazie a un migliore equilibrio tra vita privata e lavoro.

Come posso essere produttivo quando lavoro da casa?

Mentre lavorare da casa un paio di giorni al mese potrebbe aumentare la produttività, lavorare da soli per lunghi periodi di tempo può portare a effetti negativi sia sulla salute generale che sulla produttività del lavoratore. Sapendo che la prossima volta che vorrai lavorare da remoto, scegli uno spazio di coworking informale o un bar per goderti il ​​trambusto dei dintorni senza essere esposto alle tensioni che potrebbero verificarsi in ufficio. Per rimanere in gamba, assicurati di pianificare la tua giornata e attenersi al piano limitando l'usage dei social media e mantenersi responsabili.

Qual è la percentuale di lavori remoti?

Le statistiche sul lavoro a distanza ci dicono che in tutto il mondo circa il 18% delle persone lavora da remoto a tempo pieno. D'altra parte, negli Stati Uniti più di 4.3 milioni di persone lavorano a distanza, il che rappresenta il 3.2% dell'intera forza lavoro. Sebbene il lavoro a distanza sia una tendenza in rapida crescita, il 44% delle aziende non consente ancora ai propri dipendenti di lavorare a distanza.

Entrare nel lavoro a distanza

Ecco qua, le più importanti statistiche di lavoro a distanza per il 2024 e oltre.

Poiché la tecnologia avanza a un ritmo più veloce che mai e un numero crescente di datori di lavoro e dipendenti apre gli occhi sugli innumerevoli vantaggi che il telelavoro può portare a entrambe le parti, diventa innegabile che il lavoro a distanza è qui per restare. E queste statistiche di lavoro a distanza ne sono la prova!

Non importa dove vivi, quali competenze hai o quale livello di anzianità stai cercando, sappiamo che non avrai difficoltà a trovare opportunità di lavoro a distanza di alta qualità per cui candidarti. Buona ricerca di lavoro!


fonti
Christopher Benitez è uno scrittore freelance specializzato nel campo del marketing digitale. Il suo lavoro è stato pubblicato su SEO e nicchie specifiche di marketing di affiliazione come Monitor Backlinks, Niche Pursuits, Web Hosting Secret Revealed e altri.
Iscriviti, ricevi offerte software direttamente nella tua casella di posta.
Registrati Oltre 4,700 altri imprenditori restando aggiornato su tutte le ultime offerte.
Zero spam. Annulla l'iscrizione in qualsiasi momento.